Cerca
  • QBMusica

WILD: da Tè alla cannella ai sogni futuri


La giovanissima artista svizzera Alessandra Wild, in arte Wild, classe 2001, dopo la sua partecipazione al Musical di Romeo&Juliet e al Kids Voice Tour, torna con un suo brano dal titolo Tè alla cannella, dal 25 settembre sulle piattaforme digitali e in rotazione radiofonica. Un viaggio in macchina, una camminata a dicembre, il profumo sprigionato da un tè caldo: l’amore ha forme e odori molteplici, infiniti e bellissimi, e il nuovo brano di WILD dal titolo “TÈ ALLA CANNELLA” è proprio questo, una sequenza di fotografie e profumi che sanno della persona amata. Il videoclip di “Tè alla cannella”, diretto da WILD e registrato dalla PopMusicLabel, ha come protagonista l’artista stessa, lei soltanto, intenta a compiere movimenti dinamici e a tratti passionali, come mandare a fuoco un fiore, ballare e camminare in mezzo a un immenso campo fiorito. Abbiamo scambiato due chiacchiere con la giovanissima artista.


Per cominciare, chi è Wild? La scelta del nome d’arte è legata esclusivamente alla

corrispondenza con il tuo cognome o c’è un altro motivo di fondo?

Wild sono io, Alessandra. Ho 19 anni, abito in Svizzera e la mia passione più grande è il

canto. Oltre ad essere il mio cognome, mi piace molto il significato stesso della parola e penso mi rappresenti bene.


“Wild” in inglese significa “selvaggi*”. Quanto c'è di questo aggettivo nel tuo modo di

fare musica?

Tanto, mi piace giocare con la voce sfidandomi e impostandola in questa maniera che

riuscire a descrivere solo “wild”. Penso dia anche un tocco giovanile e fresco.


Ti sei esibita giovanissima sul palco dei “Kids Voice Awards”, cosa diresti oggi alla te

di quel tempo e cosa ti porti dietro da quell’esperienza?

Penso sia stata l’esperienza più bella della mia vita. Eravamo ragazzi provenienti da tutta la

Svizzera, infatti c’è stato un mix di cultura/lingua strepitoso. Inoltre ho avuto l’opportunità

di scambiare opinioni e ricevere consigli da artisti importanti come Jermaine Jackson e

Patrick Fiori. Per quanto riguarda la “me di quel tempo”, le direi di continuare per la propria strada, rimanendo umile e curiosa su ciò che il futuro le riserverà, perché sarà qualcosa di

meraviglioso!


Sei la protagonista del videoclip di “Tè alla cannella” e già nel 2016 avevi ricoperto un

ruolo da attrice nel musical “Romeo&Juliet”. Che legame c’è tra recitazione e musica?

Il musical mi ha permesso di conoscere altri talenti e condividere il palco con altri artisti,

quindi cominciare a conoscere anche ciò che concerne il mondo del ballo e della recitazione.

Io però mi sono occupata principalmente della parte canora del musical.


Il brano “Tè alla cannella” segna il tuo esordio nel mondo del mercato musicale. Come

ti senti?

È una sensazione nuova, meravigliosa, come se mi trovassi costantemente nel mio posto

sicuro. Non mi ero prefissata nulla, mi aspettavo tutto e niente allo stesso tempo. Amo

lasciarmi sorprendere e non potrei esserne più felice.


C’è un artista a cui ti ispiri o a cui sei particolarmente legata?

Ascolto veramente di tutto, infatti non mi piace focalizzarmi su un unico genere musicale,

bensì lasciarmi sorprendere da qualunque tipo di canzone. Mi ero avvicinata molto al genere

Soul ascoltando artisti come Etta James e Aretha Franklin. Ultimamente sto ascoltando

molti artisti della scena italiana come Ernia, Frah Quintale o Gazzelle; trovo i loro testi

incredibili!


Se potessi sognare in grande, con chi ti piacerebbe collaborare in futuro?

Siccome la mia “identità musicale” si avvicina al genere indie, direi assolutamente Frah

Quintale.


Per concludere, una domanda di rito: qual è l’augurio che fai a te stessa e alla tua

musica?

Rimanere umile e soprattutto curiosa riguardante qualunque sfida della vita e in questo caso

della musica.