Cerca
  • Arianna, Sara e Simona

La voce dei Fandom: Meta-Moro


Come vi avevamo promesso, dopo settimane di fuoco, finalmente possiamo mostrare i risultati di un progetto articolato che ha richiesto l’aiuto di tutti, o quasi, i fandom degli artisti in gara al Festival di Sanremo 2018.

Attraverso questo nostro lavoro, abbiamo deciso di “vivere” insieme l’attesa di questo Festival e, dando voce a i sostenitori degli artisti, abbiamo cercato di ottenere un punto di vista nuovo e spesso trascurato dai media.

Nei giorni precedenti, abbiamo sottoposto 7 domande alle fanbase chiedendo loro di rispondere e di articolare le loro risposte.

Centinaia di fan hanno prestato la loro penna per aiutarci a fornire una sintesi dettagliata delle sensazioni, delle emozioni, dei pareri contrastanti e delle iniziative dei seguaci.

Riporteremo alcune delle risposte che ci hanno colpito di più tra le centinaia ricevute ma, per via del grande numero di feedback ricevuti, abbiamo deciso di dividere in sezioni il progetto completo partendo da coloro che hanno inviato un numero maggiore di risposte.

Grafico Fandom Festival Sanremo 2018

Come è possibile evincere dal grafico, il maggio numero di risposte è arrivato dagli agguerritissimi sostenitori dell’acclamato duetto Ermal Meta-Fabrizio Moro.

Le fan base a cui abbiamo fatto riferimento sono I Lupi di Ermal

( Pagina Facebook cliccare qui - Profilo Twitter cliccare qui ), noti per la loro potenza e attività su tutti i social, e Fabrizio Moro Mobrici ( Pagina Facebook cliccare qui - Profilo Twitter cliccare qui ).

Iniziamo allora la nostra "intervista" premettendovi che molte delle risposte sono state date prima dell'uscita dei testi e dei duetti:

1. Credi che la partecipazione al Festival sia una scelta giusta o azzardata? (Motiva risposta)

•Un po' azzardata perché́ è sempre rischioso andare al Festival, dove si è già fatto molto bene, però penso che il duetto sarà̀ molto bello e che ogni tanto nella vita è bello rischiare.

•Premetto di essere una fan di Ermal Meta e in quanto tale ritengo che la sua scelta sia più che giusta (anche perché Claudio Baglioni lo ha voluto fortemente).

Per la collaborazione con Fabrizio Moro sono altrettanto felice perché secondo me non c'è persona migliore per affrontare il tema (forte e molto attuale) da loro scelto.

•Giusta, perché́ al di là di tutto la loro intenzione è quella di trasmettere emozioni e al tempo stesso lanciare un messaggio.

La canzone tratta un tema attuale, importante e delicato che spero verrà diffuso il più possibile tra la gente... E qual è il mezzo di comunicazione più efficiente se non la musica.

•Giusta, il Festival è una vetrina perfetta per lanciare messaggi forti, come questi artisti fanno spesso.

•Credo sia una scelta giusta per l'importanza ed il messaggio del brano che portano.

Se hai un messaggio da diffondere con la tua musica Sanremo ha il giusto riverbero.

•Sicuramente hanno un messaggio importante da trasmettere al pubblico e la partecipazione al Festival, con il grande numero di ascolti, è una via rapida ed efficace per cercare di diffonderlo, guadagnandosi non solo l'attenzione, ma anche la stima degli spettatori o dei fan che già li conoscono e seguono da tempo.

Inoltre partecipando al Festival, contribuiscono all'aumento degli ascolti e/o visione del programma dato il numero elevato di fan che per niente al mondo si perderebbero la gioia di vedere una loro esibizione e sostenerli fino alla fine.

•Giusta, perché credo che abbiamo davvero bisogno di artisti come loro su quel palco, capaci di unire anima, voce e talento pur essendo diversi, ma capaci di “azzardare” restando ognuno se stesso.

•Credo sia una scelta ponderata: sanno di cosa parlano e curano il modo in cui lo fanno. La partecipazione al festival non inciderà sulle loro carriere, portano un messaggio e la recezione di questo da parte del pubblico è l'obiettivo primario.

•Credo sia giusta. Sono due cantautori molto talentuosi, raccontano la realtà senza filtri e questa canzone, a parer mio, resterà nella storia della musica italiana. Non è da tutti parlare del terrorismo.

•Assolutamente, sono entrambi dei grandissimi artisti e credo che la canzone che faranno insieme sarà qualcosa di stupendo e lascerà un segno nelle anime di tutti.

•Penso che la partecipazione a Sanremo sia una scelta più che giusta, Ermal Meta e Fabrizio Moro si meritano veramente di parteciparvi, perché i loro testi parlano sempre di verità, di tematiche attuali, parlano di ribellarsi ai soprusi, ma anche di amore, di libertà, di speranza, sensazioni e di immaginare un futuro migliore di questo.

•Penso che la scelta dei Meta-Moro di partecipare al Festival con "Non mi avete fatto niente" sia giusta poiché il brano, almeno dal testo, è portatore di un messaggio potente, che arriva diretto, affrontando il tema del terrorismo e della paura in maniera non ruffiana. È reale, vero, a tratti crudo ma nel dolore accende una luce di speranza, caratterizzata dal nostro "essere in fondo umani" e dal non volerci arrendere di fronte ad "inutili guerre".

2. Se dovessi immaginare la canzone, basandoti anche sulle recensioni fatte dalla stampa dopo i primi ascolti, come sarebbe?

•Ritmo folk, canzone dal ritmo quindi quasi allegro ma con un testo molto forte.

•Sicuramente bellissima. Una canzone che arriva dritta al cuore, che ci fa riflettere su tutto quello che è accaduto e che sta, purtroppo, accadendo nel nostro mondo.

•Sicuramente riuscirebbe ad arrivare dritta al cuore dello spettatore e susciterebbe un sacco di reazioni, sia in fattore emotivo che psicologico.

Porterebbe la gente a ricordare, commuoversi e a riflettere magari su determinate circostanze del mondo o della vita in sè, o sul motivo per cui certi fatti sono accaduti. Mi immagino una melodia e delle parole che difficilmente verrebbero dimenticate nel tempo. In poche parole, mi immagino una vera e propria opera d'arte (composta di musica) creata da due veri e autentici artisti.

Un inno alla speranza, alla vita, ad un domani migliore. Una canzone che ci fa riflettere, ma ci fa anche capire che di ogni singolo giorno, dobbiamo farne un dono.

•Sarebbe una canzone forte, densa di verità ed attualità, ispida al primo ascolto, difficile da accettare (anche per il nuovo connubio di voci), ma che ti sprona già dal secondo.

•Una canzone dalle tematiche forti, sicuramente, ed importanti. Una fusione tra la forza di Fabrizio Moro e la "delicatezza" di Ermal Meta. Una canzone sicuramente bellissima ed emozionante.

”Non mi avete fatto niente” la immagino una ballata con un testo scorrevole, niente di complicato, ma che arriva dritta già al primo ascolto, mi immagino parole forti nella linea di Fabrizio e metafore nello stile di Ermal. Mi immagino un capolavoro.

Un inno alla vita, a non lasciarsi immobilizzare dal terrore, ma a combatterlo continuando a vivere liberamente.

•Non so bene neanche io il perché ma associo la canzone al fuoco, ad una fiamma, perché sarà qualcosa che secondo me scalderà i cuori di tutti ed avrà probabilmente anche a livello musicale uno stile "acceso", ritmato, quasi rock ‘n roll.

•La immagino come un brano duro, ma non cupo, nonostante la tematica che affronta. Chitarre spiegate, basso, batteria e grancassa potrebbero essere la cornice di un testo del genere, come una vera e propria "danza ritmata contro la paura", che aiuti ad esorcizzarla e celebri la voglia di rialzarsi. Un rito magico per ricominciare.

3. La canzone, secondo te, rispecchia lo stile classico dell’artista/degli artisti oppure potrebbe/potrebbero aver optato per uno stile diverso adattandosi a quello “sanremese”?

•A mio parere sono rimasti coerenti con loro idea musicale.

Rispecchia l'emozione degli artisti, ma non sarà dello stile classico di Sanremo.

•Sono due artisti veri e fedeli ai loro sentimenti, per cui rispecchierà la loro musica.

Entrambi hanno già trattato temi importanti e delicatissimi a Sanremo con anche ottimi risultati. Vedi “Pensa” e “Vietato Morire”. Non mi stupisce quindi una loro canzone sul terrorismo. Sono sicuro che non sarà̀ un testo banale. Le loro grandi penne possono permettersi qualunque tema.

•Sono due cantautori con uno stile definito. Se hanno fatto dei cambiamenti è per adattarsi l'un l'altro, ma non per essere "sanremesi".

•Credo che la canzone sia adatta ai due. Fabrizio Moro potrebbe aver dato la sua impronta più al testo, mentre Ermal Meta alla musica.

•Secondo me per quanto riguarda il titolo e il testo rispecchia di più lo stile classico di Fabrizio Moro, ma per quanto riguarda l'argomento anche e soprattutto Ermal Meta e lo si è visto l'anno scorso con il brano Vietato Morire, pluripremiato e che parlava di un tema molto forte, come la violenza domestica sulle donne, un tema purtroppo molto attuale, che coinvolge donne di tutte le età e stato, immancabilmente nelle cronache di tutti i giorni di telegiornali o nelle pagine e righe di un quotidiano. La canzone in questione dà un messaggio molto forte a denunciare, a ribellarsi e a non subire più questo tipo di maltrattamenti e violenze, perché appunto è Vietato Morire.

4. Per quanto riguarda la serata che vedrà gli artisti in gara impegnati in un duetto, cosa ne pensi del cantante che lo/la/li accompagnerà sul palco? Nel caso il nome non fosse stato svelato, con chi ti piacerebbe fosse il duetto?

Marco Mengoni

Brunori Sas

Caparezza

Cremonini

Elodie

Elisa

Tiziano Ferro

•sinceramente vanno bene solo loro!

•Sarei stata felice di un duetto con Marco Mengoni o con Elisa. Non sono molto convinta del duetto di Meta e Moro con Simone Cristicchi, ma comunque credo che ci sia un motivo per il quale sia stato scelto.Mi affido e mi fido di loro.

•Ottima scelta. Cristicchi è un visionario. Completerà il quadro dipinto da Ermal e Fabrizio.

Penso che sia una scelta azzeccata. Simone Cristicchi, come Ermal e Fabrizio, tratta temi forti e talvolta scomodi nelle sue canzoni, e lo fa sempre con grande intelligenza. Non è da tutti. È davvero bravo e credo che potrà solamente arricchire con la sua voce il duetto.

•Sono felice del duetto con Simone Cristicchi. Ho amato "Ti regalerò una rosa" nel 2007 per la tematica forte che affrontava e per il fatto che essa fosse accompagnata da una certa delicatezza narrativa. Ci troviamo di fronte a tre Cantautori ed Interpreti di alto livello. Sarà emozionante.

5. Pensi che l’artista/gli artisti possa/possano rispecchiare il motto di questo Festival “Potere all'immaginazione”?

No. Sarà una canzone che tratta della realtà, quindi nessuna immaginazione. Dritti al cuore e alla mente delle persone.

•Immaginazione ne hanno da vendere, ma a questo festival partecipano dando uno sguardo alla realtà, più che a un sogno.

Moro in una sua canzone dice "posso fare a meno di sapere perché spesso preferisco immaginare" mentre Ermal Meta "odia le favole".

Si bilanciano.

•Sicuramente si. Ogni canzone scritta con il cuore dà potere all'immaginazione di chi le ascolta. E Meta e Moro insieme a scrivere una canzone, è qualcosa di davvero inaspettato e magico, che secondo me darà un risultato stupefacente.

•in un modo singolare: immaginare la realtà nella sua veste migliore.

6. Come si vivono, all'interno del fandom, questi ultimi giorni che precedono il festival?

•Direi che l'attesa per il Festival sta suscitando una forte tensione emotiva. Il fandom è ansioso di poter ascoltare il loro capolavoro e vederli insieme sul palco.

C'è un clima di adorazione e contemplazione dei due artisti che unisce sempre di piú (a livello emotivo) ogni soggetto del gruppo. Si contribuisce a incoraggiarli e "fargli sentire" tutto l'affetto e la stima nei loro confronti.

Ansia, ansia e ansia. Forse siamo più tesi noi che gli artisti in persona ahaha questa volta fortunatamente possiamo condividere questo lungo e ansioso periodo con i nostri cari amici fans di Ermal Meta. È anche questo il bello di una collaborazione tra artisti... nasce di conseguenza una grande collaborazione tra fans, una specie di gemellaggio in cui conosci persone speciali con la tua stessa passione... la musica.

•Come tutti gli altri, si è sempre elettrizzati, connessi, attenti, critici e solidali; l'evento non cambia il comportamento che è sempre, nel bene e nel male, visibile al 100%.

•2 fandom uniti.. è una cosa bellissima.

C'è tanta ansia di vederli e sentirli insieme, ma c'è anche tanta felicità perché comunque vada sarà un successo, in questo periodo penso sia davvero un gran momento per entrambi ed è giusto che vadano e si vivano al meglio questo momento senza pensare a classifiche o cose del genere.

Siamo tutti agitati e non vediamo l'ora di buttarci a capofitto in questa nuova esperienza! Siamo pronti ad affiancarli e sostenerli, come sempre d'altronde.

Ci fidiamo ciecamente, siamo tutti sicuri che sarà un'esperienza indimenticabile. Pronti a votare, pronti a vincere, a perdere, ad emozionarci, a piangere e a ridere con loro!

C'è molto fermento in entrambi i fandom, con costante condivisione delle informazioni, interviste, shooting, servizi per la tv eccetera. Da Lupa (fan di Ermal Meta) posso dire che è molto bello vedere come i fan dell'uno e dell'altro interagiscano con rispetto reciproco ed attivamente. Questo clima rispecchia quello di stima che si respira tra i nostri due preferiti.

7. Avete pensato ad un modo, oltre che attraverso il televoto, per sostenere l’artista/gli artisti durante il Festival (penso, ad esempio, alle Fan Action sui social)?”

• Che io sappia per adesso non abbiamo ancora niente in mente, però di sicuro lo sosterremo (oltre al televoto) con una valanga di amore su ogni social.

Qualcuno potrebbe essere fisicamente lì con loro ad assistere all'esibizione. Per chi non potrà́, sicuramente sui social le sorprese non mancheranno. I fan sono sempre pronti a sostenere gli artisti che adorano in qualunque occasione. Penso che gli hashtag e le condivisioni saranno il punto forte.

•Sicuramente ci sarà il delirio sui social. Stiamo organizzando, insieme al fan club ufficiale "I Lupi di Ermal" e con anche l'aiuto della mia fan page "Fabrizio MORO Mobrici", di invadere qualunque social durante la settimana di Sanremo, soprattutto Twitter, facendo andare in tendenza vari hashtag tra cui principalmente #MetaMoro e #NonMiAveteFattoNiente, titolo del brano che aspettiamo a braccia aperte.

•Sono certa che non mancheranno sorprese. Già ci attiviamo a colpi di hashtag su Twitter: #MetaMoro #Nonmiavetefattoniente sono diventati una costante quotidiana nei nostri post. Colgo l'occasione per ringraziare tutti i Lupi e, soprattutto, chi gestisce il Fan Club per l'impegno ed il lavoro incredibile.

Top, sempre.

Dalla Redazione di piùpermenomeno è tutto, ci sentiamo domani per il secondo appuntamento di "La Voce dei Fandom" in cui parleremo dei The Kolors.

#festivaldisanremo #metamoro #ermalmeta #fabriziomoro